... LOGIN / SIGN UP / CART (0)
Administrator Goodfellas Nov 4, 2014 3:35:27 AM News

Movie Star Junkies, hardboiled!



Sono la migliore band da export italiana, che nessuno si offenda, ma lo stile noir del gruppo torinese ha già mietuto più di una vittima eccellente. Ed il loro ritorno griffato Voodoo Rhythm non è certo affare da poco, portandosi dietro tutta una cupa letteratura che nel solenne titolo ‘Evil Moods’ certifica una scrittura sicuramente ispirata. Tutto l’immaginario hardboiled dei pionieri Dashiel Hammett, James Cain e Jim Thompson (il suo leggendario ‘Colpo Di Spugna’) trova una logica estensione in questo disco che si nutre anche di esperienze autobiografiche, suffragate da un suono lugubre, psicotico. Dopo gli esperimenti in salsa folk/americana di ‘Son Of The Dust’, la band piemontese torna a battere le polverose strade sterrate di un’America immaginaria, mettendo in moto una rovinosa macchina garage-blues che sa anche guardare con parsimonia al re inchiostro e a tutto un filone musicale da istituto nazionale nella terra dei canguri.

Ma la vorticosa natura rhythm & blues del disco è forse la novità più eclatante, un genere sviscerato in tutte le sue stentoree dinamiche, attivandosi anche sotto il profilo di impulsi funk affatto trascurabili. Registrato in Italia e mixato in quel di Berlino, il disco si avvale in due episodi del contributo percussivo di un maestro come Maximilian Weissenfeldt (Heliocentrics/Whitefield Brothers), elemento che semmai conferma i sospetti iniziali. I Movie Star Junkies sono letteralmente nella loro fase black, dal punto di vista tematico e strutturale ed ‘Evil Moods’ è un magnete pazzesco, una di quelle perle grezze da riconoscere istintivamente. Quando d’improvviso ascolterete un ibrido surreale tra gli Stones di ‘Exile On Main Street’ ed i tardi Birthday Party tutto assumerà un carattere più definito, ma non meno vizioso, si capisce.