... LOGIN / SIGN UP / CART (0)
Administrator Goodfellas Dec 1, 2014 8:09:41 AM News

Les Sins, la dance secondo Toro Y Moi



‘Michael’ è l’album di debutto di Les Sins, il progetto dance di Toro Y Moi, al secolo Chaz Bundick. Letteralmente ispirato dalle colonne sonore di cartoni e film d’animazione degli anni 70/80, l’album - prevalentemente strumentale - esplora tradizioni a loro modo classiche nell’ambito della musica popolare e da ‘ballo’. Ripetitivi ed ammiccanti ritornelli vocali cercano un’aderenza con ritmi ed arrangiamenti sintetici  figli della cultura house e techno. Sembrano in particolare farsi largo elementi del fatidico french touch, assieme a tecniche care al più esplorativo hip hop degli anni ’90. Bundick ha costruito l’album in oltre due anni di maniacale produzione, materializzatasi per lo più nello studio casalingo.

Il funk digitale di ‘Why’ introduce la voce del cantautore di Berkeley Nate Salman, mentre ‘Bother’ trattiene un groove ‘esistenzialista’ prima di liberarsi in quella che sembra una ripresa di My Beautiful Dark Twisted Fantasy di Kanye West in salsa fantascientifica. Nonostante non ci siano temi apparenti da associare all’album, Chaz si ritiene convinto che molti di questi pezzi potrebbero essere suonati nel bel mezzo delle strade multicolori del celebre quartiere Ginza di Tokyo. Come vedete, un richiamo alla pre-adolescenza ed alla tecnologia, in un solo colpo.

Nomi capitali come Timbaland, Mr. Oizo e Daft Punk – assieme a contemporanei come il Motor City Drum Ensemble – hanno rappresentato più di un influenza sugli sviluppi del disco, ma ancor più del dettaglio musicale è da tenere a mente l impatto di un graphic designer, P. Rand. Seguendo proprio il motto del suo vate ‘non provare ad essere originale, prova solo ad essere brillante’ il nostro ha seguito un mantra oltremodo funzionale per le sorti del disco. Dopo un dodici pollici per Carpark Records e due singoli pubblicati da Jiaolong (l’etichetta dance di Caribou), l’album segna una nuova collaborazione tra lo stesso Chaz ela Carparknel lancio della sussidiaria Company.