HOME / SPITTLE RECORDS / GOODFELLAS RECORDS LOGIN / SIGN UP / CART (0)
Administrator Goodfellas 02/dic/2014 00.21.46 News

Klaus Schulze live



...nel corso della sua carriera Klaus ha partecipato ad almeno 380 concerti, 119 come solista ed i restanti come ospite o componente di gruppi a loro modo seminali come Psy Free, Ash Ra Tempel, Tangerine Dream o Stomu Yamash’ta’s GO. Alcuni di questi live sono stati registrati e gelosamente conservati, altri già ufficialmente pubblicati. Il primo della serie fu l’emblematico ‘…Live…’ dato alle stampe nel 1980 ed accompagnato da una dichiarazione ad effetto dello stesso Klaus: ‘questo è il mio primo ed ultimo disco dal vivo’. La storia ci ha raccontato qualcosa di diverso, consegnandoci in realtà altre fatiche dal vivo del corriere cosmico per eccellenza.

Queste incisioni in particolare appartengono a un tour del 1977, già parzialmente edito su di una pubblicazione pirata. L’idea di rendere pubbliche quelle incisioni ha portato anche ad un ridimensionamento della condizione ‘bootleg’, nel rendere ufficiali questi titoli, si procederà a tutta una valorizzazione dell’ampio catalogo del nostro, fatto appunto di ispirate performance live. Le tre composizioni presentate durante uno show all’università di Brussels nel 1977 erano troppo lunghe e corpose per occupare un solo cd, ma allo stesso tempo non sufficienti a pubblicare un doppio... per questo motivo ho provveduto ad aggiungere una traccia bonus dai miei archivi personali per completare il secondo cd. Questo pezzo è il primo eseguito da Klaus nella città olandese di Arnhem nel 1979. Posizionammo il registratore a cassette dello stesso Klaus sul palco, proprio nel mezzo dei due monitor.. Un approccio primitive se vogliamo, ma al tempo le cose andavano esattamente in questo modo. Principalmente per Klaus, che amava riascoltarsi nelle occasionali camere di hotel durante la notte munito di fedeleissime cuffie. Dopo un’esibizione del genere non poteva certo coricarsi e prendere sonno come se nulla fosse accaduto...

‘Dalle note originali del biografo Klaus Dieter Mueller’