HOME / SPITTLE RECORDS / GOODFELLAS RECORDS LOGIN / SIGN UP / CART (0)
Administrator Goodfellas 29/set/2014 08.28.55 News

Emma Tricca, folk behind



Cresciuta in uno scenario socio-culturale del tutto particolare, circondata da libri gialli, colonne sonore dei film di  Morricone, vibranti immagini religiose ed autentici pezzi di modernariato, Emma Tricca ha sicuramente trascorso un’infanzia movimentata che a più livelli ha costituito la base della sua esperienza artistica in solo. Un background così ricco da naturalizzarsi in una dimensione folk inedita, vivendo spesso a cavallo di due emisferi come quello londinese e quello romano. Una vocazione - la sua - informata dalle bucoliche invenzioni del revival folk inglese, con i nomi di John Renbourne, Bonnie Dobson e Judy Collins a rappresentare esemplari compagni di ventura. Tanto da dividere occasionalmente un palco con gli stessi protagonisti di quella stagione d’oro.

Ad accorgersi delle sue doti in prmis la cantautrice Jane Weaver ed il produttore Andy Votel, che ebbero il piacere di cogliere una sua romantica esibizione del 2006. Il suo unico talento vocale fu la chiave di volta in una relazione che in breve sfociò nel commerciale. Per l’etichetta Bird – co-gestina dagli stessi Weaver e Votel – Emma debuttava con ‘Minor White’ concedendo un sunto del suo familiare eclettismo. Immediatamente la stampa britannica ne riconosce il valore, riservando all’esordio una solida accoglienza. Sulla scorta del primo exploit discografico la cantautrice si imbarca in un lungo tour europeo, per giungere infine sulla costa occidentale americana. Le apparizioni sono di prestigio: il londinese Meltdown Festival curato all’occorrenza da Jarvis Cocker dei Pulp, il  Festival Number 6 ed il Green Man.

Le canzoni di Emma portano sul palco esperienze di vita contagiose, affascinanti. Per la prima volta nel nuovo album è concesso spazio ad arrangiamenti più corposi: piccole percussioni meccaniche ed orchestrazioni casalinghe, per fornire un appeal ancor più esotico allo scheletrico folk delle origini. Hanno così partecipato alle session di ‘Relic’ membri del gruppo prog gallese Colorama, Carwyn Ellis (produttore di Edwyn Collins) e Sam Mcloughlin (N.Racker). Parafrasando un celebre titolo di John Fahey potremmo concludere con un… behold the Giallo princess !